d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.

Google sorpassa Amazon: ora è leader nella smart home

Televisori intelligenti, dispositivi di assistenza virtuale e intrattenimento. Tra i colossi della casa smart è sfida a colpi di tecnologia (e di voce) e l’esito resta incerto

 Di Leonardo Vacca

Una casa sempre più intelligente, in cui gestire elettrodomestici e servizi attraverso gli assistenti virtuali. Dopo il boom degli anni scorsi, i dispositivi che rendono smart le nostre case sono sempre più evoluti e sempre più presenti negli appartamenti degli europei. Un significativo +24% su base annua per tutti i prodotti, dai televisori ai termostati, dalle luci agli altoparlanti, raggiungendo un totale di 21,3 milioni di dispositivi commercializzati nel primo trimestre del 2019.

I dati sono riportati dagli analisti Idc (International Data Corporation), secondo i quali l’incremento riguarda tutte le categorie di prodotti. Anche gli altoparlanti, che fanno segnare un più 58% di incremento annuo, con Google Home che supera gli Echo di Amazon. Un mercato, quello degli smart speaker, che da gennaio a marzo ha generato il commercio di 3,35 milioni di questi prodotti, con il dispositivo Google al 45,1% e quello Amazon al 41,8% sul totale delle vendite. Secondo gli analisti, però, questo primato dovrebbe essere solo momentaneo: a dominare il 2019 sarà la voce di Alexa, l’assistente di Amazon.

L’ecosistema dei dispositivi smart

Sebbene il mercato degli smart speaker rappresenti il segmento più esiguo in termini di volumi, è quello centrale dell’ecosistema smart di un’abitazione. Perché è dal controllo della voce che dipendono tutti gli altri dispositivi connessi della casa, dalle tapparelle ai condizionatori.

In ambito più generale, i televisori smart, insieme agli adattatori che permettono alle tv tradizionali di essere più intelligenti, registrano consegne in aumento dell’11% a quota 12,7 milioni di unità. La categoria di luci, termostati e tutti i dispositivi di sicurezza, cresce nel complesso del 20,8% nel trimestre.

La sicurezza dei prodotti

Quanto alla gestione di questi dispositivi, i ricercatori di Kaspersky hanno analizzato tutte le piattaforme dei sistemi smart home attivi, identificando diverse vulnerabilità critiche. Come bug dell’infrastruttura cloud e potenziali esecuzioni da remoto del codice. Queste ultime permetterebbero a terze parti di ottenere l’accesso ai controller in qualità di amministratori, manipolando l’infrastruttura stessa della smart home.

I risultati della ricerca sono stati subito sottoposti alle società, che hanno aggiornato i protocolli di sicurezza. D’altronde, all’aumentare delle potenzialità – e del successo – di questi dispositivi, aumentano anche i rischi di sicurezza dell’Internet of Things (IoT), rendendo necessarie ricerche e continui aggiornamenti.

Le vulnerabilità riguardano principalmente il protocollo di comunicazione wireless, l’interfaccia web del pannello di amministrazione e il cloud. Combinati fra loro, questi elementi comportano il rischio più grande per questo tipo di dispositivi. Per la sicurezza esistono comunque delle raccomandazioni, come valutare i rischi legati agli accessori smart, esaminare le possibili vulnerabilità dei prodotti da acquistare, anche con l’aiuto di internet, e mantenerli aggiornati.

Per la domotica che fa passi da gigante, in termini di vendite e commercio, una tutela in più per gestire la casa in maniera intelligente. In tutti i sensi.

Leave a Comment