d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.

Francesi sulle due ruote

Il neo governo del primo ministro Jean Castex promette un piano di biciclette “molto ambizioso” con “importi significativi”

di Goffredo Galeazzi

Tutti in bici. E’ il programma del neo governo francese di Jean Castex che ha annunciato un nuovo sforzo da parte dello Stato a favore di una mobilità pulita. Il neo primo ministro promette un piano di biciclette “molto ambizioso” con “importi significativi” che sarà dettagliato nelle prossime settimane. Nel discorso di presentazione del suo gabinetto all’Assemblea nazionale, il primo ministro ha annunciato un piano per le biciclette che riguarderà il maggior numero possibile di francesi.

“Il piano di risanamento fornirà importi significativi a favore di un piano per la mobilità pulita molto ambizioso e stipulato con le autorità locali”, ha assicurato Castex. E “le bici elettriche rivoluzioneranno l’uso di questo mezzo di locomozione pulito ed eccellente per la salute in tutte le città e villaggi della Francia”.

A maggio, il governo aveva già annunciato un piano dedicato alla mobilità dolce, portando il fondo creato ad aprile a 60 milioni di euro per incoraggiare i francesi a utilizzare la bicicletta in vista della fine del confinamento dovuto al Covid-19. Il fondo consente di finanziare l’acquisto di biciclette, nonché la creazione di parcheggi e corsi di formazione.

Il tutto per evitare un massiccio trasferimento dal trasporto pubblico all’auto.

LEGGI ANCHE  Bonus mobilità, il sito slitta a novembre

Un precedente piano per l’utilizzo della bicicletta era stato lanciato nel 2018 dall’allora governo di Édouard Charles Philippe. All’epoca fu annunciato un fondo di 350 milioni di euro in sette anni. L’obiettivo era triplicare il numero di utenti di biciclette dal 3% al 9% entro il 2024, quando la Francia ospiterà i Giochi olimpici.