Il distretto del cuoio diventa più verde

A Santa Croce sull’Arno sarà potenziato il depuratore e inaugurato un nuovo sistema di recupero degli scarti di lavorazione che diventeranno concime e bitume

di Redazione

Nasce in Toscana il primo patto sull’economia circolare del valore di 80 milioni di euro, sottoscritto a marzo da Regione Toscana, Associazione Conciatori e Rea impianti: potenzierà il distretto di Santa Croce sull’Arno, vicino Pisa, nei suoi impianti industriali che già oggi operano per un razionale recupero e riuso di scarti e sottoprodotti della lavorazione conciaria.

Il patto prevede investimenti la cui principale conseguenza è quella di ridurre, fino ad eliminarli, gli scarti della lavorazione conciaria, per ricavare concime organico di alta qualità e conglomerati bituminosi e cementizi secondo un processo completamente riconducibile a pratiche di economia circolare. Il distretto sarà attrezzato con tutti gli impianti necessari al recupero sicuro dei rifiuti, ovvero l’ammodernamento del depuratore, un impianto di trattamento fanghi e uno di trattamento dei sottoprodotti.

Quello della conceria, incastonato tra le province di Firenze e Pisa, è tra i distretti più attivi e fiorenti di tutta la regione: produce principalmente pelle e cuoio da suola per calzature (60% della produzione), pelletteria (30%), abbigliamento, arredamento e altre (10%).

Qui si concentra, inoltre, circa il 35% della produzione nazionale di pelli ed il 98% della produzione nazionale di cuoio da suola.

Cinquecento aziende della filiera conciaria

Nel distretto sono presenti circa 500 aziende della filiera conciaria, tutte medio-piccole (almeno una dozzina per ognuna) per un totale di 6.000 addetti e un fatturato di 2,4 miliardi, di cui il 70% rappresentato dall’export. Al centro dell’accordo (presto arriveranno anche patti sulla carta e sul tessile, ha annunciato il governatore Rossi) la risoluzione del problema degli smaltimenti in discarica di fanghi di depurazione e di scarti della lavorazione conciaria per ricavare concime organico di alta qualità e conglomerati bituminosi e cementizi.

Occorre ricordare che ad oggi vanno in discarica 50mila tonnellate di scarti di lavorazione (prodotti da conciatori e pellettieri) alle quali si aggiungono altre circa 20/30mila tonnellate di scarti di pelli prodotte in altre zone della regione e 20mila tonnellate di carniccio e rasature ad oggi usate per produrre concimi. La Regione Toscana, da parte sua, si impegna ad assicurare la conclusione dei procedimenti amministrativi necessari per la realizzazione degli impianti.

mobilitaria

La mobilità insostenibile dell’Italia

Il poco invidiabile primato italiano: è di quaranta milioni di autovetture il parco auto nazionale a fine 2021. Un convegno a più voci di Ispra, Aci e Asstra