d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.

Il condominio come palestra per idee green

La seconda edizione del progetto Civico 5.0, curata da Legambiente, presenta un’analisi di 22 condomini italiani: tra progetti di riqualificazione energetica e sharing

di Leonardo Vacca

Riqualificare e rendere più efficace l’approvvigionamento elettrico e condividere spazi e risorse. Legambiente racconta le esperienze e le buone pratiche di 22 condomini italiani, partendo dal presupposto che la crisi climatica impone riflessioni e cambiamenti in tutti i settori, provando ad adottare sistemi sempre più sostenibili per produrre risorse.

In cosa consiste Condomini aperti? Nel rendere efficiente il sistema di raccolta differenziata, usare una lavanderia condominiale o l’automobile in maniera condivisa. E ancora, sale e cucine comuni, pranzi condominiali periodici, librerie e biciclette in condivisione. La cura del verde, impianti fotovoltaici, lampade a led per gli spazi comuni, isolamento termico delle facciate, dei tetti e dei solai. E infine, reti di teleriscaldamento e impianti geotermici.

Alcuni esempi: Roma, Milano e Bologna

Come nel caso del condominio di via del Porto, a Bologna, restaurato con l’uso di termointonaco e con l’installazione di una nuova centrale termica a metano. E in cui è stata creata una lavanderia condominiale, grazie all’acquisto di una lavatrice con quote volontarie. O del condominio di via Gramsci, a Milano, costruito nel 2019 con tutti i più moderni sistemi di efficientamento energetico, prelievo di acqua dalla falda che alimenta la pompa di calore e una massima attenzione all’isolamento termico. O di quello di via Marmorata, a Roma, dove sono state effettuate analisi sulla dispersione di calore di un fabbricato costruito nel 1918 e mai restaurato.

E mentre si provano a superare gli ostacoli burocratici, si organizzano cene, si è stabilito un vademecum del “buon vicinato”, si piantano nuovi alberi sui marciapiedi. Alcuni abitanti del condominio hanno adottato un albero, pagando una quota e incaricando il Servizio Giardini della Capitale della piantumazione. Grazie all’allargamento del progetto all’intero rione ci sono ora più di 90 alberi da far crescere.

Vivere così si può

Lo scopo è quello di far capire che vivere così si può. E di provare a diffondere l’uso di queste pratiche. Legambiente selezionerà annualmente 25 famiglie (due per condominio) interessate a eseguire alcune analisi ambientali relative alle dispersioni termiche in estate e in inverno, all’inquinamento indoor, al controllo dei fumi della caldaia e al consumo elettrico. Al termine delle analisi, ogni famiglia riceve una scheda da compilare, potendo inserire anche tutte le criticità rilevate e le possibili soluzioni.

Ognuno dei condomini di Civico 5.0 ha trovato soluzioni e sviluppato possibilità di migliorare la qualità della vita dei singoli e della comunità; contrastare lo spreco energetico; a volte alimentare energeticamente gli edifici, investendo nella sostenibilità e risparmiando denaro.

I numeri in Italia

In Italia sono oltre un milione e duecentomila gli edifici adibiti a condomini e circa l’80% è stato realizzato prima che venissero applicate le normative sull’efficienza energetica. In questi palazzi vivono circa 15 milioni di famiglie e l’edilizia è la seconda voce di consumo, dopo i trasporti, nel bilancio complessivo.

È proprio il settore dell’edilizia, dunque, che può svolgere un ruolo centrale sotto il punto di vista ambientale, economico e per lo sviluppo dell’economia circolare. Lottando contro i cambiamenti climatici da una parte e dall’altra contro le diseguaglianze sociali e di qualità della vita.

Per approfondire, il nuovo sito della campagna.

Leave a Comment