d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.

Il monopattino sì, ma con luci e clacson

Al via il decreto per la micromobilità elettrica: tra restrizioni e limiti, un punto di partenza. Disciplinate quattro tipologie di veicolo: si viaggerà solo in alcune aree urbane, limiti di età per la guida

di Leonardo Vacca

Hoverboard, segway, monopattini e monowheel: quattro veicoli sottoposti alla sperimentazione per mettere un freno alla circolazione urbana senza regole. È stato pubblicato, dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il decreto attuativo sulla micromobilità elettrica, previsto dalla Legge di Bilancio 2019. Il decreto è stato già inviato a varie istituzioni locali per sperimentare le regole previste.

Il decreto contiene anche schemi, disegni e descrizioni dei vari veicoli sottoposti alla sperimentazione. Si tratta di mezzi ancora non contemplati nel Codice della Strada ma già utilizzati da migliaia di italiani. La prima importante novità è che questi mezzi, totalmente elettrici, potranno essere utilizzati solo in alcune aree urbane.

I limiti e le restrizioni

Tra le limitazioni più evidenti quella relativa alla potenza del motore, che in nessun caso può superare i 500 watt. Previsto l’obbligo del clacson e, se si circola di sera e di notte (si stabilisce il tempo limite della mezz’ora successiva al tramonto), si può solo con apposite luci (bianca o gialla fissa nella parte anteriore e luce fissa rossa o catarifrangenti rossi in quella posteriore). Obbligo di luci anche in particolari condizioni atmosferiche che comportino scarsa visibilità. In tal caso, in assenza di luci, è possibile condurlo soltanto a mano.

Su strada, o su pista ciclabile, è obbligatorio l’uso di giubbotto o bretelle retroriflettenti ad alta visibilità, i mezzi progettati per superare i 20 km/h dovranno invece essere dotati di limitatore di velocità, limite che scende, nelle aree urbane, a soli 6 km/h. Potranno circolare regolarmente soltanto i mezzi con marchio CE.

Ogni Comune avrà la sua ordinanza

Per il momento rimane incertezza sulle aree dove sarà possibile muoversi con questi mezzi: i singoli Comuni dovranno autorizzare la sperimentazione con ordinanza. Questa ordinanza conterrà una tabella che, per ogni veicolo, indicherà l’area in cui la circolazione è ammessa, ad esempio piste ciclabili, percorsi pedonali e ciclabili, aree pedonali e le cosiddette zone 30.

A supporto dei Comuni, il decreto prevede l’installazione di una segnaletica stradale che indichi le aree in cui ogni tipo di veicolo può circolare. Per i servizi a noleggio e in condivisione è obbligatoria una copertura assicurativa. I mezzi elettrici, in ogni caso, sembrano destinati soprattutto ai maggiorenni: i minori, per poterli guidare, devono essere dotati almeno di patente AM.

Non sarà inoltre possibile portare passeggeri, date anche le dimensioni dei mezzi stessi, o usare i veicoli come traini per altri mezzi o per il trasporto di cose (per esempio, sembrerebbe vietato anche il trasporto di buste della spesa).
È solo l’inizio di una sperimentazione che durerà nel tempo, con il costante apporto dei singoli Comuni per poter mettere a punto un sistema sostenibile per le singole amministrazioni e per i cittadini.

Leave a Comment