d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.

Arriva il passeggino elettrico

È una carrozzina full optional che aiuta anche nelle salite, nelle discese e nei fondi sconnessi

 Di Leonardo Vacca

L’idea e la realizzazione sono della società tedesca Cybex, che ha progettato il passeggino e-Priam. E potrebbe diventare la soluzione migliore per genitori sempre più in là con gli anni, o che usano i passeggini per il trasporto di buste della spesa, zaini, oggetti per far giocare i bambini e l’occorrente per prendersene cura. Insomma se il passeggino diventa un “mezzo di trasporto” può esserci bisogno di un aiutino.

Quando condurre il passeggino diventa faticoso, magari a causa dei tanti oggetti che ci si infilano dentro e con il caldo che non aiuta, ci pensa l’elettrico. Il manubrio è dotato di sensori che monitorano lo sforzo di spinta e di trazione. Un algoritmo guida i motori, integrati nel telaio, per aggiungere supporto quando richiesto. In questo caso, i genitori hanno un aiuto elettronico non indifferente anche nella gestione dello sforzo.

Ricarica e autonomia

Per ricaricare la batteria sono necessarie circa sei ore, attaccandola a una normale presa di corrente. L’autonomia va dagli otto ai quarantacinque chilometri, in base al carico e alle condizioni della strada. Il passeggino è inoltre dotato di cinque luci a Led posizionate nell’asse posteriore, che indicano l’energia rimanente.

Il mezzo equilibra lo sforzo del genitore rilevando la pressione di spinta e calcola la pendenza del terreno. In questo modo facilita lo spostamento del passeggino dando la sensazione di camminare in pianura. Vale per le salite e per le discese, perché l’algoritmo interviene sulla struttura stessa del passeggino, rallentandolo. Un aiuto ulteriore arriva sulle superfici sconnesse e irregolari, anche su ciottoli e sabbia, neve e fango. Grazie al sistema intelligente, il genitore avrà la sensazione di spingere un passeggino su un comune marciapiede.

Disponibilità e caratteristiche

Un passeggino che può seguire tutto lo sviluppo del bambino: al pari dei modelli classici, è dotato di navicella e di seggiolino auto, per garantire la comodità negli spostamenti già dai primi giorni di vita. I genitori, volendo, possono anche disattivare le funzioni elettriche del mezzo, che è dotato di normali pulsanti di accensione e spegnimento, lasciando libera scelta sul suo utilizzo.

In Italia sarà disponibile a partire da luglio 2019, e il prezzo, a seconda degli accessori scelti, può oscillare tra i 1.200 e i 2.200 euro. Un supporto in più all’elettrico, che abitua i bambini a spostarsi con mezzi sostenibili già dall’infanzia e a farli diventare, magari un domani, piccoli piloti a impatto zero.

Leave a Comment