d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.

Polvere di Tube: la metro di Londra a rischio PM2,5

Nelle gallerie della metropolitana di Londra la concentrazione di polveri sottili è fino a 40 volte superiore ai livelli in superficie

Ridurre l’inquinamento atmosferico a Londra è uno degli obiettivi che Sadiq Khan si è dato quando ha assunto la carica di sindaco nel 2016. Ma nella capitale britannica la lotta contro l’inquinamento non consiste solo nel ridurre la concentrazione di monossido di carbonio o altri inquinanti presenti all’aria aperta, ma scende in profondità. Per la precisione nelle gallerie della rete metropolitana londinese – the Tube – dove l’aria risulta fortemente inquinata dalla presenza di polveri metalliche.

Se nell’aria della metro non si trovano le emissioni prodotte da industrie, trasporti e riscaldamento, ci sono però le particelle (soprattutto ossido di ferro) prodotte dai treni stessi, ovvero dall’erosione delle ruote, dei freni e delle rotaie. Le PM2.5 sono particelle di diametro inferiore a 2,5 micron: sono considerate le più dannose per la salute perché sono tanto piccole da penetrare in profondità nei polmoni e quindi nel flusso sanguigno e negli organi interni. Inoltre restano a lungo nell’organismo e secondo alcuni test di laboratorio possono creare danni ossidativi e infiammazione. La loro concentrazione è 30/40 volte più alta rispetto all’esterno.

Nuove ricerche e soluzioni

Per questo Transport for London sta correndo ai ripari. Ha infatti commissionato in collaborazione con il King College – nuove ricerche sugli effetti a lungo termine della polvere di Tube. Per esempio monitorando i livelli attuali di particolato e valutando lo stato di salute dei lavoratori pensionati che hanno passato molti anni nelle gallerie.

Ma soprattutto studiando come ridurre la polvere. Per prima cosa modificando i sistemi di frenata dei treni in modo che sia ridotta l’usura di pastiglie e dischi, poi installando filtri elettrostatici in grado di catturare polvere e particelle metalliche. Infine, un altro accorgimento sarà quello di pulire l’esterno dei vagoni utilizzando prodotti che creano una patina in grado di catturare la polvere.

Leave a Comment