d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.

A Lecco la fantascienza aiuta a guarire

Un laboratorio di alta tecnologia che punta su realtà virtuale e robotica per la riabilitazione di bambini e ragazzi

Entrare nell’antro magico o nell’officina dei robot, oppure fare una passeggiata nello spazio. Sono queste alcune delle sfide che si trovano ad affrontare i piccoli pazienti dell’AstroLab. Si tratta del primo laboratorio di ricerca e cura in Italia hi-tech per la riabilitazione di bambini e ragazzi. Si trova all’Irccs Medea a Bosisio Parini, vicino a Lecco. E’ uno spazio di quasi 500 metri quadrati realizzato grazie ai contributi di ministero della Salute, Regione Lombardia, Fondazione Cariplo e Univerlecco dove grazie a tecnologie di avanguardia e ambienti dall’aspetto futuristico le attività riabilitative diventano per i ragazzi quasi un gioco.

La realtà virtuale e la robotica permettono di proporre ai giovani pazienti esercizi che facilitano il controllo del movimento, l’equilibrio, la postura, il reclutamento muscolare, l’attenzione, la memoria, la coordinazione oculo-motoria, l’organizzazione visuo-spaziale. Recenti ricerche dimostrano che questi esercizi effettuati sotto forma di gioco sono efficaci. E migliorano le funzioni cognitive e motorie e riescono a rimodellare anche il nostro sistema neuronale.

Laboratori e altro ancora…

Oltre ai laboratori di bioingegneria, AstroLab ospita sei ambienti dedicati alle attrezzature per la ricerca e la riabilitazione:

  • l’antro magico, laboratorio di realtà virtuale immersiva dove si svolgono attività che migliorano le capacità di orientamento e movimento;
  • l’officina dei robot, spazio attrezzato con macchine robotizzate per la riabilitazione delle braccia o gambe;
  • la camera della tuta spaziale, per la stampa 3D di corsetti e tutori per il supporto all’autonomia personale;
  • la finestra sullo spazio, laboratorio di stimolazione multisensoriale immersiva;
  • la passeggiata spaziale;
  • le costellazioni stellari, laboratorio che registra le variazioni del volume polmonare.

In Italia sono centinaia di migliaia i giovani che hanno difficoltà motorie e cognitive. Spesso a causa di traumi invalidanti, come incidenti stradali o interventi chirurgici, o malattie gravi. O anche bambini nati con disabilità o affetti da patologie sempre più frequenti come l’autismo.

“Anche noi”, ha commentato in un’intervista a Sky Tg 24 l’astronauta Paolo Nespoli che è stato presente all’inaugurazione di AstroLab e ha testato le attrezzature riabilitative, “quando dallo spazio torniamo sulla Terra siamo disabili nei primi giorni, settimane o addirittura mesi. Quando guardo questi laboratori e vedo cosa fanno rimango incantato, perché vedo che usano le stesse tecnologie che usiamo noi e la Nasa e forse addirittura qualcosa in più”.

Leave a Comment