d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.

Arrivano le app che ti pagano per camminare

A motivare anche i più pigri  arrivano  le app per smarthpone che riconoscono crediti in moneta virtuale a chi fa attività fisica

Camminare per guadagnare. Più cammini e ti muovi, più ti premio. Se la prospettiva di fare attività fisica per assicurarsi un buono stato di salute non è sufficiente, un immediato (piccolo) incentivo può venire da app che gratificano gli utenti che fanno movimento e conducono una vita sana.

Una delle più scaricate in Italia – negli Usa è arrivata a 5 milioni di download – è  Sweatcoin, letteralmente moneta del sudore. Una app che premia l’attività fisica svolta all’aria aperta (non funziona negli spazi chiusi, in casa o palestra). Ogni mille passi l’app riconosce all’utente una moneta virtuale (uno sweatcoin, appunto). La moneta potrà essere spesa in negozi virtuali per acquistare gadget, vestiti, miglia aeree,  libri, carte regalo o prodotti hi-tech come smartphone e televisori.

Camminare? Si premia anche in Italia

Tutta italiana invece è Healthy Virtuoso, una app per smartphone che premia gli utenti con uno stile di vita salutare a 360 gradi. In pratica si monitora non solo l’attività fisica svolta, il numero di passi effettuati, ma anche le ore di sonno e il tipo di alimentazione. Sviluppata nel 2017 in collaborazione con il dipartimento di Psicologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, funziona scaricando i dati da altre app dedicate alla vita sana. Anche in questo caso l’impegno è premiato con sconti, carte regalo per beni e servizi. Per esempio l’iscrizione in palestra.

Anche Movecoin premia il movimento sostenibile a tutto tondo (correre, camminare, pedalare, vogare), riconoscendo per ogni chilometro 10 centesimi di questa moneta virtuale. Accreditati in un portafoglio digitale, i Movecoin possono essere spesi nei negozi convenzionati per pagare alcuni servizi pubblici (per esempio i biglietti dei mezzi pubblici) o tasse.

Insieme a fumo, alcol e obesità, la sedentarietà è infatti uno dei principali fattori di rischio per il benessere psico-fisico. In media in Italia il 43% dei cittadini non fa alcun tipo di attività fisica nel tempo libero, mentre la media europea è del 25%.  In realtà, per stare bene in salute basterebbe poco: i famosi 10.000 passi al giorno raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità. Circa 6 chilometri sono sufficienti per proteggere il cuore ed evitare malattie come diabete e ipertensione.

Leave a Comment