d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.

La casa in argilla stampata in 3D

Così si risparmiano tempo e costi di costruzione e si riducono drasticamente le emissioni inquinanti

di Goffredo Galeazzi

La stampa 3D ha fatto passi da gigante e ha da tempo coinvolto il mondo dell’edilizia e dell’architettura a partire dalla realizzazione di modelli e prototipi fino ad arrivare alla costruzione di edifici veri e propri. I vantaggi legati a questa pratica sono vari e si traducono principalmente in una serie di risparmi in termini di tempo e costi di costruzione e in una drastica riduzione delle emissioni inquinanti.

Il primo prototipo si chiama
Tecla : è una casa in argilla, invenzione tutta italiana, frutto di una startup di architettura, che guarda al futuro in una nuova prospettiva. Tecla, sviluppata da Mario Cucinella Architects e WASP, azienda leader della stampa 3D, vuole essere un omaggio alla città immaginaria ideata da Italo Calvino nel suo romanzo “Città invisibili”.

La casa prototipo si trova a Massa Lombarda

La casa prototipo si trova a Massa Lombarda (RA) ed è stata pensata per rispondere a esigenze non solo ambientali ma anche sociali. Se da un lato infatti, grazie all’impiego dell’argilla che è biodegradabile e riciclabile e di provenienza locale, dimostra una natura ecosostenibile, d’altro lato risponde all’esigenza di alloggi a prezzi accessibili.

Tecla è quindi, ha spiegato Mario Cucinella, “un prototipo innovativo di habitat stampato in 3D che risponde alla sempre più urgente rivoluzione climatica e alle necessità dei cambiamenti dettati dai bisogni delle comunità”, aggiungendo che si tratta di “un connubio tra l’architettura empatica e l’applicazione delle nuove tecnologie”.

Tecla è formata da una cellula base con forma e caratteristiche riadattabili a seconda del contesto e del clima, due cupole che si compenetrano a vicenda, zona giorno, zona notte con bagno, esterno con lago per raccolta delle acque meteoriche e grigie che possono essere riutilizzate in giardino grazie a un processo di fitodepurazione. L’energia viene prodotta tramite pannelli solari.

In fase di costruzione da settembre 2019

Il progetto è entrato in fase di costruzione a settembre 2019 e dovrebbe concludersi a inizio del 2020.

Questo progetto nasce da una ricerca di SOS – School of Sustainability, corso fondato da Mario Cucinella – e ha il supporto degli studenti iscritti al programma Sustainable Environmental Design dell’Architectural Association School of Architecture di Londra, che si sono preoccupati di ricercare le cause e gli effetti dovuti alla mancanza di abitazioni.

Grazie ai bio-materiali provenienti dagli scarti della coltivazione del riso è stato possibile ottenere condizioni ottimali di comfort interno dovute alle altissime prestazioni termoisolanti.

Leave a Comment