d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.

Mobilità: piccolo è utile

Specie se è un mezzo di spostamento condiviso. I dati dell’Osservatorio Nazionale sulla sharing mobility

Redazione

La maggior parte degli spostamenti è fatta da persone che viaggiano sole, su piccoli tragitti, in città. La maggior parte delle automobili è fatta per portare 5 persone, più i bagagli, su lunghi percorsi. Una o due tonnellate di materiali che si spostano per muovere di pochi chilometri un peso dell’ordine delle decine di chili. Uno spreco, calcolando che le macchine rimangono ferme tra il 90 e il 95% del tempo.

Di fronte a questa diseconomia, il mercato sta dando una doppia risposta. Flotte in sharing per aumentare l’uso del mezzo evitando costi inutili e ingombri. E mezzi adatti alla micromobilità: dalle bici ai monopattini. I numeri si leggono sull’ultimo Rapporto nazionale della sharing mobility elaborato dall’Osservatorio Nazionale sulla sharing mobility.

Nel 2019 ci sono stati 3 milioni di viaggi in scooter elettrici condivisi. E sono stati messi a disposizione più di 27 mila monopattini e 35 mila biciclette in sharing. Complessivamente 65 mila veicoli leggeri in sharing. Grazie a 86 servizi di micromobilità presenti in uno su tre dei 110 capoluoghi di provincia italiani. Al primo posto Milano con ben 14 servizi. A seguire Roma con 11 e Torino con 7.

Nel ventaglio della micromobilità condivisa, il servizio più diffuso è il bikesharing station-based presente in 26 città, seguito dai monopattini in sharing con 38 servizi in 17 città, dal bikesharing free-floating (13 servizi in 12 città) e dallo scootersharing che è presente in 4 città.

LEGGI ANCHE  Eco galateo per bici e monopattini

Per lo scootersharing si osserva anche quest’anno una crescita straordinaria: i veicoli in condivisione sono passati da 150 nel 2015 a oltre 5.000 nel 2019 (+126% rispetto al 2018), di cui oltre il 95% è elettrico. I noleggi dei motorini in condivisione raggiungono quota 3 milioni.

I monopattini in sharing, servizio sbarcato in Italia a fine 2019, si stanno affermando e diffondendo: tra dicembre 2019 e settembre 2020 sono passati da 4.900 a 27.150, valore destinato a crescere. I servizi attivi sono passati da 12 a 38 nello stesso periodo. Il monopattino in sharing, al pari con il bikesharing è il servizio di micromobilità più in crescita nel periodo post lockdown.

Anche per quanto riguarda il bikesharing, il 2019 è stato un anno positivo. È il servizio più diffuso in Italia e la flotta a disposizione è di quasi 35.000 bici, di cui il 15% elettriche. Rispetto al 2018, le iscrizioni sono cresciute del 60%.

“L’aspetto più interessante è la possibilità di integrazione di scooter elettrici, bici condivise e monopattini con il trasporto pubblico e la ciolopedonalità, con un conseguente  minor ricorso all’auto di proprietà per gli spostamenti urbani che può ridurre l’ inquinamento dal trasporti del 20-30%”, ha detto Raimondo Orsini dell’Osservatorio Sharing mobility.