d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.

Treno + bici: alleanza vincente per la mobilità sostenibile

Una nuova norma del regolamento ue prevede che tutti i treni europei dovranno poter ospitare almeno 4 biciclette

Quattro bici su ogni treno. Questo prevede la revisione introdotta nel regolamento europeo Rail Passengers’ Rights and Obligations Regulation. In pratica su ogni treno europeo nuovo o ristrutturato – compresi quelli ad alta velocità – dovrà esserci lo spazio sufficiente per ospitare almeno 4 biciclette.

“Si tratta di un segnale molto positivo perché non si parla più di una facoltà, ma di un obbligo”,  ha spiegato Massimo Gaspardo Moro, consigliere Fiab, la Federazione italiana ambiente e bicicletta. “Anche se la nostra proposta di partenza era di fissare il limite minimo a otto posti bici su ogni treno.”

Un passo avanti importante per potenziare la mobilità sostenibile e sostenere un binomio vincente dell’intermodalità: treno + bicicletta.  L’obiettivo è di favorire – potendola portare con sé in treno – l’uso della bicicletta per andare al lavoro o a scuola quotidianamente.  Quindi utilizzandola non solo per i piccoli spostamenti, ma anche per quelli a medio raggio tra città. In questo modo treno e bici insieme possono essere una valida alternativa al viaggio aereo o in automobile.

Anche perché “il Green Deal di Ursula von der Leyen punta ai treni per i collegamenti intercontinentali al posto degli aerei”, ha commentato Alessandro Tursi, presidente Fiab e vicepresidente di Ecf – European Cyclist Federation.

LEGGI ANCHE  Bonus bici, chi prima arriva...

Questo raggiunto non è stato un risultato scontato. Infatti anche se in Europa ci sono punte di eccellenza  – Olanda e Danimarca da anni hanno predisposto servizi e infrastrutture adeguate per accogliere ciclisti sui treni – altri Paesi sono molto indietro. Basti pensare al dato diffuso da Ecf secondo il quale oggi sul 53% dei treni veloci che collegano le principali città europee le biciclette non sono ammesse a bordo.

La nuova norma – che però entrerà in vigore tra 4 anni – rappresenta anche un forte incentivo per il cicloturismo. Oggi in Europa il giro d’affari del turismo su due ruote è pari a oltre 44 miliardi di euro l’anno;  complessivamente il comparto ciclistico ha un fatturato di 513 miliardi di euro (dati Ecf). Cifra che secondo la federazione europea dei ciclisti potrebbe salire a 760 miliardi entro il 2030.