d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.
auto elettriche

Mercato auto 2020, tira solo l’elettrico

Le vendite di ibride sono salite del 103%, quelle di ibride plug-in del 319,1%, quelle delle elettriche del 207,6%

Il 2020 è stato sicuramente un anno imprevedibile. La pandemia ha prodotto un impatto su ogni settore, costringendo a un inaspettato e repentino cambio di abitudini. Anche nel comparto dell’automotive che ha affrontato un anno complicato, con impianti fermi a causa del lockdown e il calo complessivo delle vendite. Tuttavia, nonostante le difficoltà, le vendite di auto elettriche hanno continuato a crescere, supportate dagli incentivi.

Il Covid-19 ha sicuramente portato una leggera flessione nel trend di aumento soprattutto nel secondo trimestre ma, al contrario dei motori a combustione, le vendite di elettriche pure (Bev, Battery Electric Vehicle) e plug-in (Phev, Plug-in Hybrid Electric Vehicle) continuano a salire superando anche le previsioni formulate prima della pandemia.

Crescita impressionante a dicembre

Nel dettaglio, elettriche pure e plug-in registrano rispettivamente 7.258 e 6.354 unità vendute in dicembre. La crescita rispetto al mese precedente è impressionante, del 52% per le Bev e del 30% per le Phev. Ancora più impressionate è il dato tendenziale: sempre a dicembre le ibride elettriche sono salite del 181,4% (25.916 contro 9.211) rispetto al dicembre 2019, le plug-in dell’809,3% (6.374 contro 701) e le elettriche del 753,5% (7.255 contro 850).

Da registrare inoltre nel mese di dicembre 2020 il nuovo sorpasso dei Bev sui Phev con una quota mensile, che rispecchia anche quella annuale, del 54% per i primi e del 46% per i secondi. Un risultato importante per i plug-in hybrid che l’anno scorso rappresentavano il 37% del totale delle auto con la spina.
Così, gli scenari di penetrazione delle elettriche delineati da Motus-E, la prima associazione in Italia costituita da operatori industriali, filiera automotive, mondo accademico e movimenti di opinione – sono stati superati: Bev a 32.500 unità e Phev a 27.375, con un aumento percentuale complessivo di +251,5%.

LEGGI ANCHE  Mobilità elettrica: percorso a ostacoli per le colonnine
Scendono auto a benzina e diesel

Nel 2020, le immatricolazioni di auto a benzina sono calate del 38,7%, quelle diesel del 40,2%, quelle a Gpl del 31,1% e quelle a metano del 18,1%. Dal canto loro le ibride (Hev) sono salite del 103%, le ibride plug-in del 319,1% e le elettriche (Bev) del 207,6%. Sempre nel corso del 2020, il peso delle auto a benzina è sceso sul totale delle immatricolazioni dal 44,3 al 37,5% e quello delle auto diesel dal 40 al 33,1%. Nel comparto delle auto a gas, il peso delle auto a Gpl è sceso dal 7,1 al 6,8%, mentre quello delle auto a metano è salito dal 2 al 2,3%. Quanto al comparto elettrico, il peso delle ibride (Hev) è salito dal 5,7 al 16%, quello delle ibride plug-in dallo 0,3 al 2% e quello delle elettriche (Bev) dallo 0,5 al 2,3%.

Le auto elettriche Bev più vendute in Italia sono risultate, nell’ordine: la Renault Zoe, Smart Fortwo, Tesla Model 3, VW e-up e la Fiat 500E che è riuscita in soli due mesi dall’inizio delle vendite ad entrare nella top five italiana. Eccetto per la Tesla Model 3 si registra il progressivo arricchimento del portafogli di offerta che si allinea alle preferenze dei consumatori italiani che puntano soprattutto verso segmenti di classe piccola e media.

La corsa delle elettriche in Europa

In Europa continua l’impressionante corsa delle elettriche. In Germania si immatricolano in un mese quasi tante Bev quasi quanto il consolidato italiano annuo. In Olanda a novembre 2020 i Bev sono arrivati al 23% del mercato totale, pari a tre volte le vendite delle Phev proprio grazie alla rete di infrastruttura di ricarica più capillare e sviluppata d’Europa. In Francia Bev e Phev pareggiano a circa 10.000. In Spagna le Phev superano le Bev sia nel dato mensile sia in quello consolidato annuo. Nel Regno unito le Bev continuano a viaggiare su cifre importanti, 10.345 unità contro le 7.726 di Phev, con un consolidato di poco inferiore a quello francese.

LEGGI ANCHE  Mobilità elettrica: percorso a ostacoli per le colonnine

Nonostante il 2020 sia stato un anno complesso per tutto il comparto automotive, i dati sulle immatricolazioni di auto elettriche mostrano uno scenario e un trend di crescita positivo nel nostro paese anche nel 2021. Il mercato delle auto elettriche, avverte Motus-E, dovrà però essere accompagnato da un parallelo e sostanziale sviluppo delle infrastrutture di ricarica.