d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.
energie verdi

Energie verdi, dopo i record l’Italia si blocca

Dopo aver raggiunto e superato gli obiettivi sulle rinnovabili al 2020, la nuova potenza da Fer connessa alla rete è diminuita lo scorso anno del 35%. Male eolico e fotovoltaico

L’Italia è l’unico dei maggiori Paesi europei ad aver raggiunto e superato gli obiettivi sulle rinnovabili al 2020 con oltre il 18% di energia verde sui consumi finali già nel 2019, rispetto a un obiettivo del 17%. Lo ha evidenziato l’Agenzia europea per l’ambiente, che ha diffuso i numeri relativi al 2019, da cui emerge che 13 Paesi non hanno ancora raggiunto gli obiettivi.

Ok anche nella riduzione emissioni CO2

Nell’elenco ci sono: la Polonia (12% di Fer sui consumi finali rispetto a un obiettivo del 15%), la Francia (17% rispetto al 23%), l’Irlanda (12% rispetto al 16%), i Paesi Bassi (9% rispetto al 14%), il Belgio (10% rispetto al 13%), la Spagna (18% rispetto al 20%) e anche la Germania del phase out del nucleare e del carbone (17% contro 18%). Anche sulle emissioni di CO2, sia in cifra assoluta che pro capite che per unità di Pil, l’Italia è nel gruppo di testa. E la quota di Fer sui consumi di energia in Italia è salita ancora (al 20%) nel 2020, complice il calo dei consumi, con il 40% del totale dell’energia verde garantito dall’idroelettrico.

LEGGI ANCHE  Con l’auto elettrica si risparmia
Ritardi degli iter autorizzativi

Insomma, se è vero che la crisi Covid ha colpito anche le rinnovabili, con un forte calo della nuova potenza installata, non bisogna dimenticare lo sforzo fatto e il costo in bolletta pagato per raggiungere gli obiettivi prima degli altri. Ma dopo i record, l’Italia rischia di attardarsi sulla strada che porta alla decarbonizzazione del sistema economico e produttivo. Colpa dei ritardi degli iter di autorizzazione per i nuovi impianti e per il repowering di quelli esistenti e ormai parzialmente obsoleti: al ritmo tenuto negli ultimi anni, non riuscirà a raggiungere gli ambiziosi obiettivi sulle rinnovabili al 2030.

Nel 2020 la nuova potenza da fonti rinnovabili connessa alla rete è diminuita del 35% rispetto all’anno precedente: 785 MW contro 1.212 MW del 2019. Principalmente per un crollo verticale dell’eolico e per una decisa flessione del fotovoltaico, solo in parte compensati da una ripresa dell’idro. I dati sono dell’Osservatorio Anie Rinnovabili, sui dati del sistema Gaudì di Terna.

Potenza eolica -79%, fotovoltaico -15%

Nel dettaglio la nuova potenza eolica connessa alla rete è diminuita del 79% fermandosi a soli 85 MW contro i 414 dell’anno precedente. Il fotovoltaico si è ridotto del 15% a 625 MW contro i 737 del 2019. Male anche le bioenergie, in calo del 59% a soli 8 MW contro i 20 del 2019, mentre l’idroelettrico segna un +60% a 66 MW contro i 41 dell’anno precedente.

LEGGI ANCHE  Con l’auto elettrica si risparmia

Il rapporto Anie evidenzia come la maggiore distanza tra i valori 2020 e gli obiettivi Pniec al 2030 si registri per eolico (ancora 8,5 GW da realizzare per raggiungere il target di cui 0,9 offshore) e ancor più solare (da costruire ancora oltre 30,5 GW di cui 0,9 termodinamici). L’idroelettrico invece, che beneficia dell’eredità del grande idro, è già a un passo dal target (ancora solo 150 MW da realizzare), come il geotermico (ancora 140 MW), mentre le bioenergie sono addirittura già oltre il target di 3.760 MW (ora a 4.128).

Maggior incremento in Lombardia, Piemonte e Sicilia

Le regioni che hanno registrato il maggior incremento in termini di potenza sono Lombardia, Piemonte e Sicilia, mentre quelle con il maggior decremento sono Puglia e Sardegna. Le regioni che hanno registrato il maggior incremento in termini di unità di produzione sono Molise e Valle d’Aosta, mentre quelle con il maggior decremento sono Abruzzo, Basilicata e Sardegna. Dal confronto del 2020 con il 2019 si registra un calo del 7% del numero delle nuove unità di produzione connesse. Le installazioni di potenza inferiore ai 20 kW costituiscono nel 2020 il 40% del totale, mentre quelle di taglia superiore a 1 MW sono il 19% delle nuove connessioni.