d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.
trasporto

Meglio il treno o l’aereo?

Per valutare correttamente le emissioni, occorre valutare il livello di occupazione degli spazi di un mezzo di trasporto. I dati del Rapporto Eea

In termini di emissioni non è sempre l’aereo il mezzo di trasporto più inquinante. In determinate condizioni l’automobile – se occupata dal solo guidatore – produce più emissioni di quelle prodotte da un volo (riferite evidentemente al singolo passeggero).

E’ quanto emerge da un recente studio dell’Eea (Transport and environment report 2020 – Train or plane?)  che ha analizzato le emissioni pro capite prodotte dalle diverse modalità di trasporto utilizzabili in Europa su una distanza di 500 chilometri. A confronto cinque tipi di aeromobile utilizzati solitamente per queste distanze, le due tipologie di treni (intercity o ad alta velocità) e tre automobili, occupate da 1 o 4 persone.

Le emissioni del settore aereo sono più alte su base chilometro/passeggero di quelle del treno. Viaggiare in aereo sulla distanza di 500 chilometri ha costi sestupli in termini di emissioni rispetto a quelli prodotti da un treno ad alta velocità.

Ma non sempre il volo è l’opzione più inquinante. Se i 500 chilometri sono percorsi da una sola persona, l’automobile alimentata a benzina o diesel risulta la scelta peggiore. Il dato si ribalta nel caso l’auto sia occupata da 4 persone.

Il livello di occupazione, dunque, risulta essere il fattore più significativo per valutare gli impatti emissivi. “C’è infatti una bella differenza se un aereo, un treno o un’automobile viaggiano quasi vuoti o pieni all’80%”, si legge nello studio.

Le cose non cambiano significativamente se si considera una distanza di 1.000 chilometri anziché 500. Andando poi a esaminare distanze ancora superiori, i costi ambientali legati all’aereo non crescono proporzionalmente alla distanza visto che le emissioni legate al decollo e atterraggio non cambiano.

Attualmente un quarto delle emissioni prodotte all’interno dell’Unione europea sono rappresentate dal settore dei trasporti. Il traffico su strada è responsabile del 72% delle emissioni del settore, mentre il trasporto marittimo e aereo rappresentano rispettivamente il 14% and 13%.