d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.
Bolzano

Bolzano, si rafforza il trasporto pubblico a emissioni zero

Dodici bus a idrogeno per l’azienda Sasa che dispone già di una flotta “verde” che viaggia in città da anni. Presto anche una stazione di rifornimento

Sono alimentati a idrogeno e hanno 350 chilometri di autonomia i bus realizzati dall’azienda Solaris, che si andranno ad aggiungere ai prototipi a celle a combustibile già in servizio a Bolzano dal 2013. I primi tre di dodici mezzi per il trasporto urbano sono stati consegnati alla provincia autonoma e alla società in house Sasa.

In servizio dal 2013

L’azienda Sasa dispone già di una flotta di bus elettrici e a idrogeno che viaggiano in città da anni. Sono in servizio infatti dal 2013 grazie al progetto “Clean hydrogen in European Cities” (Chic), un programma Ue che nasce proprio per iniziare a pensare alle tecnologie degli autobus a celle a combustibile a idrogeno.

Ora arriva il Solaris Urbino 12 hydrogen, un mezzo che combina una cella a combustibile ad alte prestazioni e una batteria al titanato di litio da 29,2 kWh. La potenza della cella a combustibile è di 70 kW, la capacità del serbatoio dell’idrogeno è di 37,5 chilogrammi per una percorrenza giornaliera superiore a 350 km. Gli unici prodotti di scarto generati durante il funzionamento sono vapore acqueo a 55 gradi.

Nel Pnrr il rinnovo del parco bus

“La decisione della Provincia di Bolzano di investire consistenti risorse per l’acquisto di nuovi bus a idrogeno è in linea con la visione strategica del ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili”, ha affermato in una nota il ministro Enrico Giovannini. “Nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza è previsto un investimento di oltre 3 miliardi di euro per il rinnovo del parco autobus impiegato nel trasporto pubblico locale con l’acquisto di mezzi elettrici e a idrogeno per le aree urbane. La mobilità sostenibile nelle città, grandi e piccole, è un elemento importante per migliorare la vivibilità dei quartieri e la qualità della vita delle persone”.

“La nostra strategia a lungo termine – spiega Petra Piffer, direttrice di Sasa – prevede di convertire entro il 2030 gran parte della flotta Sasa in veicoli sostenibili, ovvero autobus a batteria e a idrogeno. A breve l’obiettivo è mettere in servizio entro fine anno sia i nuovi autobus a idrogeno che otto bus elettrici, puntando a una completa modernizzazione della flotta. Per ora i mezzi sono in servizio principalmente in ambito urbano. Tuttavia è già in fase di studio l’impiego di mezzi a zero emissioni anche fuori dalle città”.