d

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

In. Fb. Tw. Be. Db. Li.
Servizio Civile

Un Servizio civile per difendere l’ambiente

Presentata alla Commissione europea la richiesta di istituire un servizio ambientale retribuito per gli under 35

Negli ultimi 40 anni – secondo l’Agenzia europea dell’ambiente – gli eventi estremi legati al clima hanno causato perdite economiche per un totale di 446 miliardi di euro. A conferma di come gli effetti dell’emergenza climatica danneggino non solo l’ambiente ma anche l’economia. E le stime per gli anni a venire non sono rassicuranti. Occorre dunque agire per minimizzare ulteriori danni. Per questo è stata lanciata un’iniziativa per chiedere alla Commissione europea di istituire un Servizio civile ambientale, con un finanziamento sufficiente per renderlo efficace.

Il Servizio – retribuito e destinato ai giovani sotto i 35 anni – potrebbe aiutare a raggiungere diversi obiettivi: alzare la sensibilità verso la tutela dell’ambiente, contrastare i cambiamenti climatici e dare un forte impulso all’occupazione giovanile. Tra le attività che potrebbero essere svolte: piantumazione e rimboschimento, azioni di contrasto all’erosione del suolo, messa in sicurezza del territorio per prevenire frane e inondazioni.

“Investire nel Servizio ambientale significa liberare i giovani dalla doppia gabbia dell’esclusione lavorativa e dell’ansia per l’incombente crisi ecologica, che li priva di un futuro in cui sperare. Ma significa anche fare una scelta economicamente sensata, poiché i dati ci dicono che 1 euro speso in prevenzione fa risparmiare fino a 4 euro in riparazione dei danni”, ha commentato Eleonora Evi, l’europarlamentare verde che ha lanciato l’iniziativa. 

LEGGI ANCHE  Uccelli, lucertole, formiche: così gli animali si adattano alle città

Il Servizio ambientale potrebbe offrire opportunità di lavoro retribuite dignitosamente e socialmente utili nelle aree interne, aiutandole così a trovare nuova vita. Potrebbe anche essere d’ausilio al settore agricolo che, secondo i dati di Coldiretti, ha perso oltre 14 miliardi di euro nell’ultimo decennio tra danni alla produzione agricola e alle infrastrutture nelle campagne a causa dell’accentuata variabilità climatica. I giovani impiegati nel programma potrebbero piantumare specie arboree autoctone e curare siepi campestri o aree ripariali, migliorando così gli habitat faunistici e le connessioni ecologiche.