rinnovabili

Nel 2022 crescita record di fotovoltaico ed eolico

Mentre un’indagine del Time mostra la crescita dei disastri climatici negli Stati Uniti

Fino a ieri, fino alla presidenza Trump, i negazionisti climatici hanno avuto negli Stati Uniti uno straordinario spazio. Ora sembra che gli umori stiano cambiando non solo perché Biden ha rovesciato il punto di vista della Casa Bianca dando evidenza alle preoccupazioni climatiche, ma anche perché i numeri parlano chiaro.

Dal 1980, gli Stati Uniti hanno subito 338 siccità, uragani, inondazioni, incendi e altri disastri legati al clima, ciascuno dei quali ha provocato danni per 1 miliardo di dollari o più. Complessivamente, questi eventi sono costati 2,3 trilioni di dollari, più del PIL dell’Italia, l’ottava economia più grande del mondo. E’ quello che scrive il Time sottolineando come “ci sono stati in media solo 18 giorni tra questi mega-costosi disastri dal 2017 al 2021, significativamente meno degli 82 giorni tra gli eventi negli anni ’80”.

Se il record dei danni spetta all’uragano Katrina dell’agosto 2005 (186 miliardi di dollari, dato aggiornato per l’inflazione) gli uragani anomali continuano ad abbattersi sulle coste dell’America del Nord, del Centro, qualche volta – e questa è una novità – anche dell’America del Sud.

Per fortuna arrivano anche dati positivi sulle rinnovabili. “La crisi energetica globale innescata dall’invasione russa dell’Ucraina ha spinto molti paesi a utilizzare altre fonti di energia per sostituire le forniture di gas naturale che la Russia ha trattenuto dal mercato. La notizia incoraggiante è che il solare e l’eolico stanno colmando gran parte del divario, con l’aumento del carbone che sembra essere relativamente piccolo e temporaneo”, ha affermato il direttore esecutivo dell’Agenzia internazionale dell’energia Fatih Birol. “Ciò significa che le emissioni di CO2 stanno crescendo molto meno rapidamente quest’anno di quanto alcune persone temessero e che le azioni politiche dei governi stanno guidando veri cambiamenti strutturali nell’economia energetica. Questi cambiamenti sono destinati ad accelerare grazie ai principali piani di politica per l’energia pulita che sono avanzati in tutto il mondo negli ultimi mesi”.

Nonostante le preoccupazioni per gli effetti dell’attuale crisi energetica, si prevede che le emissioni globali di anidride carbonica (CO2) dalla combustione di combustibili fossili aumenteranno di poco meno dell’1% quest’anno, solo una piccola parte dell’aumento dell’anno scorso, come una forte espansione delle energie rinnovabili e i veicoli elettrici impediscono un aumento molto più netto.

La nuova analisi dell’Aie degli ultimi dati provenienti da tutto il mondo mostra che queste emissioni di CO2 aumenteranno di quasi 300 milioni di tonnellate nel 2022 a 33,8 miliardi di tonnellate, un aumento di gran lunga inferiore rispetto al salto di quasi 2 miliardi di tonnellate nel 2021, che frutto della rapida ripresa globale dalla crisi economica innescata dalla pandemia. L’aumento di quest’anno è guidato dalla produzione di energia e dal settore dell’aviazione, poiché il trasporto aereo si riprende dai minimi della pandemia.

L’aumento delle emissioni globali di CO2 quest’anno sarebbe molto più grande – più che triplicare per raggiungere quasi 1 miliardo di tonnellate – se non fosse per i grandi dispiegamenti di tecnologie di energia rinnovabile e veicoli elettrici (EV) in tutto il mondo. Anche se la crisi energetica innescata dall’invasione russa dell’Ucraina ha sostenuto la domanda globale di carbone nel 2022 rendendo il gas naturale molto più costoso, l’aumento relativamente piccolo delle emissioni di carbone è stato considerevolmente controbilanciato dall’espansione delle energie rinnovabili. Le tendenze energetiche globali sono state influenzate quest’anno anche dagli impatti della guerra russa sull’economia mondiale, che hanno notevolmente smorzato le aspettative di crescita economica, in particolare in Europa.

mobilitaria

La mobilità insostenibile dell’Italia

Il poco invidiabile primato italiano: è di quaranta milioni di autovetture il parco auto nazionale a fine 2021. Un convegno a più voci di Ispra, Aci e Asstra